Point a Saronno: 02.45073911

Vendite SAMSUNG Galaxy S9 insoddisfacenti

Il top di gamma non ha rispettato le aspettative aziendali: la divisione mobile crolla del 22%. Il giro d’affari delle memorie rimane solido. Bene anche le TV Ultra HD di fascia altissima e i modelli QLED, ma la minaccia cinese, in primis Huawei e Xiaomi, si fa sentire.

Vendite inferiori alle aspettative di Galaxy S9 e calo della domanda dei pannelli flessibili hanno ridimensionato la seconda trimestrale 2018 di Samsung, che ha registrato un calo del fatturato.

La concorrenza sempre più ardita delle aziende cinesi, tra cui Huawei e Xiaomi, ha colpito alcuni dei segmenti più forti di Samsung, che non ha così rispettato le previsioni finanziarie.

L’utile è stato di 11,04 trilioni di won (8,4 miliardi di euro), in lieve calo rispetto al 2017. Meglio invece il profitto operativo, salito fino a 14,87 trilioni di won (11,3 miliardi di euro) nonostante il calo complessivo del fatturato rispetto all’anno precedente. Tra aprile e giugno Samsung ha registrato vendite per 58,48 trilion di won (44,5 miliardi di euro), il 4% in meno rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso e il 3% in meno rispetto al trimestre di marzo.

I cali del 22% e del 27% delle vendite delle divisioni Mobile Communications e Display Panel cioè quelle relative a smartphone, tablet e schermi sono i due principali indiziati per analizzare il calo del profitto complessivo.

Nonostante una domanda in lieve crescita trimestrale per smartphone e tablet, Samsung conosce i colpevoli della prestazione finanziaria della divisione mobile: Galaxy S9 e le spese di marketing. Le vendite del top di gamma non hanno rispettato le previsioni e ciò ha colpito i profitti stimati.

E per la seconda metà dell’anno Samsung non si aspetta note positive sottolineando che l’ambiente commerciale resterà difficile a causa di una concorrenza crescente che offre specifiche di alto livello a prezzo più bassi. Viene citato anche il prossimo Galaxy Note 9 che offrirà prestazioni superiori a un prezzo ragionevole.

Il fatturato della divisione Display Panel, legata alla fornitura di schermi LCD e OLED, è stato di 5,67 trilioni di won (4,3 miliardi di euro), ma l’intera divisione Device Solutions ha registrato un incremento del fatturato e del profitto operativo pari rispettivamente al 10% e al 2%. Ciò grazie alla prestazione delle memorie DRAM, la cui domanda è salita specialmente per le unità dai 64 GB in su; il fatturato della divisione Semiconductors è cresciuta del 25% fino a 21,99 trilioni di won (16,7 miliardi di euro).

Anche la vendita degli elettrodomestici, infine, ha subito un leggero colpo: il fatturato è sceso del 4% fino a 10,4 trilioni di won (7,9 miliardi di euro) soprattutto a causa di una domanda più debole del previsto dei condizionatori. Sulle TV, invece, buone nuove. I profitti sono migliorati significativamente anno su anno spiega Samsung e trimestre su trimestre grazie alle vendite in crescita dei prodotti premium come le TV Ultra HD di grandi dimensioni e dei nuovi modelli QLED.

Le vendite di Harman, che Samsung ha acquisito due anni fa per 8 miliardi di dollari, sono invece cresciute dell’1% fino a 2,13 trilioni di won (1,6 miliardi di euro); il profitto operativo è stato invece di 40 miliardi di won (30 milioni di euro).


Commenta l'articolo