Point a Saronno: 02.45073911

La Guardia di Finanza contro Samsung: ha violato un brevetto

La Guardia di Finanza ha sequestrato preventivamente tutti gli smartphone e tablet a marchio Samsung venduti nella provincia di Vicenza. L’accusa è la violazione di un brevetto registrato dall’azienda Edico s.r.l. con sede a Roma e che riguarda l’interfaccia che segnala all’utente l’intensità e la pericolosità del volume attraverso una barra di colore rosso, quando sono connessi auricolari e cuffie. L’operazione, denominata Patent App, ha interessato nella giornata di ieri 21 modelli di dispositivi in 26 perquisizioni. (altro…)

Brevetti, Samsung sconfitta da Hop Mobile

Davide contro Golia. Una piccola società bresciana sconfigge un gigante della tecnologia, Samsung. Il campo di battaglia: la violazione dei brevetti. Il bottino: più di due milioni di euro. Otto anni fa, nel 2008, parte la denuncia: Hop Mobile, insieme alla società che commercializzava la sua invenzione, Eko Mobile, accusano i sudcoreani di contraffazione. (altro…)

Samsung alla fine accetta di pagare 500 milioni di euro ad Apple

Quasi cinque anni dopo che Apple ha portato in tribunale Samsung per violazione dei suoi brevetti per gli smartphone, sembra che il gigante sudcoreano sia pronto a pagare. In una dichiarazione congiunta di entrambe le aziende depositata presso il tribunale americano, Samsung ha confermato che pagherà ad Apple 548.000.000 di dollari (all’incirca poco più di 500 milioni di euro) prima del 14 dicembre se riceverà una fattura prima della fine della settimana. (altro…)

Un brevetto Samsung mostra una nuova funzione per la serie edge

Con gli schermi curvi della serie edge, Samsung si è finalmente discostata dalla massa, che continua a sfornare dispositivi dalle forme ormai note, con minime variazioni di design. Il nuovo brevetto, registrato da Samsung il 6 luglio presso lo US Patent and Trademark Office, l’equivalente dell’Ufficio Brevetti e Marchi italiano, descrive una funzione, denominata Apps edge, per organizzare e permettere l’accesso rapido alle applicazioni usate più di frequente.

Non sarà una funzionalità rivoluzionaria, che spingerà gli utenti a spendere 100 euro in più per la variante edge rispetto al modello “base”; ciò non di meno rappresenta lo sforzo e l’impegno di Samsung di continuare a lavorare sulla sua gamma edge ed a migliorarla: vedremo cos’altro tirerà fuori dal cilindro a settembre.