Point a Saronno: 02.45073911

LG G5: il suo lancio poco prima del Samsung Galaxy S7

LG G5, è uno dei nuovi smartphone top di gamma, che farà sicuramente parlare di sé nel corso del 2016. Si tratta di un dispositivo che si preannuncia come molto innovativo e che dunque è destinato a dare serio filo da torcere alle altre novità, che presto arriveranno sul mercato, tra cui indubbiamente spiccano Apple iPhone 7 e Samsung Galaxy S7. Proprio con quest’ultimo il nuovo dispositivo di LG condividerà il giorno di debutto. Questo avverrà infatti il prossimo 21 febbraio 2016 al Mobile World Congress di Barcellona. Il esordio dovrebbe precedere di poche ore quello del rivale di Samsung. Nelle scorse settimane sul nuovo device della multinazionale coreana sul web ne sono state dette tante.

Tra le indiscrezioni più diffuse sul web dai principali analisti di smartphone per quanto concerne il nuovo Lg G5, si vocifera che questo potrà disporre di un display da 5.3 pollici Quad HD. Inoltre si dice anche che questo nuovo smartphone della multinazionale sud coreana si fregerà della presenza di un processore Snapdragon 820, di cui si dice un gran bene. Questo verrà accoppiato ad una Ram con memoria da 3 Gb e a 32 Gb di memoria di archiviazione di massa. Tutte queste cose insieme dovrebbero garantire prestazioni eccellenti, a tutti coloro i quali decideranno di acquistare questo nuovo dispositivo di LG.

Fotocamera posteriore da 16 megapixel? Per quanto riguarda la fotocamera del nuovo LG G5, questo disporrà di un obbiettivo posteriore da 16 mega pixel con autofocus, con doppio flash al Led. Quella anteriore invece, secondo i bene informati, sarà dotata di 8 megapixel. In questo nuovo dispositivo dovrebbe trovare spazio anche un lettore di impronte digitali. Infine il tutto dovrebbe essere alimentato da una batteria da 2800 mAh che dovrebbe garantire una buona autonomia complessiva al nuovo top di gamma di LG. Non resta dunque che aspettare le ore 14 del prossimo 21 febbraio 2016, per sapere quante di queste indiscrezioni troverammo conferma nella realtà.


Commenta l'articolo