Point a Saronno: 02.89038729

Galaxy Note 8: disponibile l’aggiornamento a Android 8.0 Oreo

Samsung avrebbe iniziato il rilascio in sordina dell’aggiornamento ufficiale ad Android 8.0 Oreo per Galaxy Note 8.

Il produttore coreano non ha annunciato nulla ma sono diversi i possessori di Galaxy Note 8 hanno confermato di aver ricevuto la notifica che segnala la presenza di un nuovo aggiornamento.

A riportare la notizia ci sono anche i colleghi di The Android Soul secondo i quali Samsung starebbe rilasciando l’aggiornamento solo su alcuni modelli selezionati per avere un riscontro tangibile dai possessori.

Insomma un vero e proprio test non annunciato prima della distribuzione globale.

E in effetti è strato come Samsung abbia avviato un programma di beta testing aperto agli utenti solo per Galaxy S8 e S8 Plus e non per Galaxy Note 8. Un programma che si concluderà ufficialmente il 15 gennaio, lasciando intendere che subito dopo partirà il rilascio di Android 8.0 Oreo in versione stabile.

Il numero di build di questo aggiornamento disponibile per alcuni Galaxy Note 8 è il seguente: R16NW.N950FXXU2CRA1.DM. La cosa curiosa è che non c’è un changelog ufficiale allegato. Tuttavia, grazie ad utente attento siamo riusciti a proporvi tutte o buona parte delle modifiche che vengono introdotte con questa versione.

Aggiornamento della tastiera
Introdotta la modalità Picture in picture su YouTube e Google Maps
Secure folder può essere impostato per rimanere sbloccato fino a quando lo schermo non si spegne
Compilazione automatica dell’API per tutte le app e browser
Notifiche media colorate
Nuove categorie di notifiche
Nuove opzioni di personalizzazione per i badge delle notifiche
La tastiera utilizza adesso gify per la ricerca delle GIF
Introdotte nuove opzioni di illuminazione dei bordi
Possibilità di visualizzare solo gli articoli del Samsung cloud
Possibilità di eseguire un backup di Secure folder in Samsung cloud
Migliorati i codec audio
Possibilità di gestire le password con Samsung pass
Aggiornate le patch di Android al mese di gennaio


Commenta l'articolo