Point a Saronno: 02.45073911

Apple: i nuovi iPhone il 7 settembre, attese novità anche per il Watch

Come saranno i nuovi iPhone? Anzitutto, il nuovo iPhone saranno in realtà tre smartphone, iPhone 7, iPhone 7 Plus e un altro che dovrebbe chiamarsi iPhone 7 Pro.

Ecco le nostre previsioni: quella ovvia è che per tutti arriveranno nuove Cpu e coprocessori, A10 e M10. Per tutti ci sarà l’addio, ormai inevitabile, ai 16 gb di storage: la pezzatura minima sarà 32, e qui Apple ha già un asso nella manica perché probabilmente gli iPhone manterranno la stessa griglia di prezzi. La versione da 32 gb dovrebbe costare come quella attuale da 16, di fatto un taglio di prezzo finale per lo smartphone Apple, con più memoria a disposizione dell’utente. Arriveranno con buone probabilità anche le versioni da 256Gb.

Poi un altro addio quasi certo, quello al jack per le cuffie: iPhone 7 non avrà più il forellino a cui connettere gli auricolari perchè questi si collegheranno alla porta Lightning, e saranno Bluetooth. Ci saranno EarPods e AirPods, quindi: l’idea di Apple è di abbandonare i cavi intrecciati, e di mettere in catalogo, per chi non può rinunciare alle cuffie wired, un adattatore Lightning-cuffie audio.

La chiusura del jack cuffie significa anche un’altra probabile e attesa caratteristica di iPhone 7, ovvero l’impermeabilità. In realtà, già gli iPhone della serie 6 possono andare sott’acqua, anche se non ufficialmente. Ma su Youtube i video in cui gli iPhone 6 funzionano tranquillamente in immersione non mancano, seppure la caratteristica non sia documentata ed eventuali danni da liquido siano sempre visibili sul dispositivo e attenzione, non coperti da garanzia.

Con il 7 potrebbe arrivare il primo iPhone waterproof, e Apple avrebbe (finalmente) un prodotto in grado di competere su questo fronte con smartphone top di gamma di Samsung e Sony. Insomma un addio che porta in dote la capacità di scattarsi selfie anche in acqua. Attesa anche la ricarica wireless ma dale analisi della componentistica non sembrano esserci particolari informazioni in questo senso.

Ci saranno di sicuro novità importanti per chi fa un uso intenso della fotocamera, suggerite un po’ anche dalla grafica dell’invito di Apple per questo evento (l’effetto bokeh): iPhone 7 dovrebbe avere la stabilizzazione ottica su tutti i modelli, non più solo sui modelli Plus. Anche il piccolo da 4.7″ insomma potrà contare su un comparto fotografico migliorato.

Ma sul sensore finora non ci sono informazioni. Quello che però dovrebbe essere confermato è che il nuovo top di gamma, iPhone 7 Pro, avrà una fotocamera a doppia lente, Dual Lens, una tecnologia in grado di avvicinare la fotografia da smartphone a quella delle macchine fotografiche reflex. E anche di “giocare” con la messa a fuoco in maniera inedita, scattando ad esempio due immagini di uno stesso soggetto, ma con punti di fuoco differenti, nello stesso momento. Il nuovo iPhone Pro dovrebbe poi avere anche una nuova porta, lo Smart Connector già visto su iPad Pro. Che aprirebbe la strada a tutta una generazione di nuove periferiche.

E non è detto che su iPhone 7 non faccia comparsa anche il pulsante home di nuova generazione, senza più un “clic” fisico ma con un feedback tattico simulato, come avviene già sui Macbook di ultima generazione. Ma qui siamo già più nel campo dell’azzardo. Per quanto riguarda i colori, in catalogo dovrebbero rimanere gli stessi più due nuovi, un nero profondo e un blu cobalto.

Ad accompagnare i nuovi iPhone ci sarà poi iOS 10, già presentato in occasione della WWDC 2016. Ma non è detto che Cook, Federighi, Schiller e gli altri “top brass” della Mela non portino sul palco anche novità per l’Apple Watch, che potrebbe essere rinfrescato con una versione con batteria più capiente e il Gps, per esaltarne le capacità come dispositivo da fitness.

Per le novità Mac invece bisognerà quasi sicuramente attendere ottobre: per quel periodo è previsto l’arrivo dei nuovi Macbook Pro con led strip sopra la tastiera, dei nuovi iMac e Mac Mini. E del Mac Pro, il supercilindro desktop che attende un aggiornamento ormai da qualche anno.


Commenta l'articolo