Point a Saronno: 02.89038729

Smartphone SAMSUNG tarocchi, quattro condanne

Sembravano autentici Smarphone Samsung. Ma erano repliche molto simili agli originali. Tarocchi fatti così bene che, in aula, è dovuto intervenire un tecnico del colosso sudcoreano per aprire i cellulari e verificare che, effettivamente, si trattasse di prodotti fasulli.
Le persone in possesso dei tarocchi, quattro rumeni di 25, 31, 33 e 51 anni sono state condannate oggi in Tribunale a otto mesi.

Una storia che, in tempi di acquisti natalizi, serve a ricordare di non prendere prodotti di dubbia provenienza, che magari assomigliano molto agli articoli originali ma che originali proprio non sono. A volte, la ricerca spasmodica dell’affare porta ad acquistare veri e propri tarocchi, come gli smartphone in questione.

La vicenda inizia quando, una pattuglia della polizia, controlla i quattro rumeni e trova i nove cellulari marchiati Samsung, dotati di caricatore. I cellulari vengono sequestrati perché di dubbia provenienza e dubbia fattura.

I quatto rumeni, difesi dall’avvocato Roberto Miglio, finiscono a processo per ricettazione e introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsi. In altre parole, merce contraffatta.

I codici Imei gli identificativi dei cellulari non corrispondevano. Ma a un occhio poco esperto, i telefoni sembravano Samsung autentici. Al punto che, durante il dibattimento, è stato chiamato in aula un tecnico della casa sudcoreana, che ha smontato gli apparecchi e ha appurato, guardando i componenti interni, che in realtà si trattava di tarocchi, telefoni falsi, sequestrati prima che inquinassero il mercato.


Commenta l'articolo